Skip to content

È bello sentirsi parte operativa della realizzazione, dell’immagine e della qualità del prodotto AbitareIn!

AUTORE: Wladimiro D'Auria

Stefano Elli, Senior Project Manager Area Tecnica di Abitare In

Come ti chiami e di cosa ti occupi?

Mi chiamo Stefano Elli e sono Senior Project Manager di AbitareIn. Mi occupo di progetto e prodotto residenziale multi-family. Seguo ogni aspetto assicurandomi che ogni step di strategia e operazione venga rispettato, interfacciandomi con i vari settori interni aziendali, i professionisti esterni e le imprese che realizzeranno quanto progettato.

dsc_0052
Stefano ElliSenior Project Manager Area Tecnica

Strategic Operation?

In inglese la parola è molto significativa come in italiano e ha un’accezione molto profonda: Operazione Strategica. È bello sentirsi parte operativa della realizzazione, dell’immagine e della qualità del prodotto AbitareIn. Oggi non si parla più di intervento immobiliare residenziale, ma di prodotto residenziale che, oltre a seguire criteri di sostenibilità economica, sociale e ambientale – ormai imprescindibili per la buona riuscita di un intervento -, ha la peculiarità di dover soddisfare le esigenze di chi acquista probabilmente il più prezioso dei beni della sua vita.

Perché hai scelto AbitareIn?

Conoscevo AbitareIn tramite alcuni professionisti che avevano collaborato con la società. Sono capitato per curiosità a fare un colloquio e ho trovato davanti a me un ambiente fresco, nuovo e stimolante con una visione orizzontale in continua crescita sia organizzativa sia di processo. Sono rimasto molto colpito dall’impostazione aziendale. Marco e Luigi, assieme a tutta la famiglia AbitareIn, portano avanti ogni giorno una passione credendo fortemente in quello che fanno.

Cosa significa essere Project Manager?

Il mio ruolo mi porta a vivere il progetto ogni giorno a 360° seguendo tutte le fasi dell’operazione, dalla strategia alla parte tecnica e operativa. Le mie attività passano dalla dismissione delle aree al controllo della qualità realizzativa delle finiture e degli arredi. Seguo tutte le attività di coordinamento e il passaggio di tutte le informazioni. Mi assicuro che rimanga un servizio efficiente dedicato al cliente e che non diventi disservizio.

Entrare in una nuova area urbana è come entrare a casa di qualcuno?

Sì, entriamo in punta di piedi nel rispetto della storia e dell’identità della zona.

Grazie ai nostri nuovi progetti offriamo un prodotto sostenibile non solo per i nostri clienti, ma anche per le persone che vivono la zona: per tornare al concetto di sostenibilità sociale, miglioriamo la qualità residenziale recuperando pienamente aree degradate della città.

Com’è il mercato immobiliare oggi?

Il mercato immobiliare di Milano sta cambiando. La casa è un luogo dove passare molto tempo e quindi la richiesta non è più come alcuni anni fa. Le persone cercano più spazi dove poter vivere la propria casa. Il prodotto AbitareIn ha già un modello abitativo che pensa al futuro sia in relazione alle tematiche ambientali sia ai nuovi trend abitativi.

Si dice che l’architettura è un insieme di creatività, di tecnica e di visione?

Questa è una frase molto reale. Per citare Le Corbusier in una frase che condivido appieno, tratta da Verso un’Architettura:

“L’Architettura è un fatto d’arte, un fenomeno che suscita emozione al di fuori dei problemi di costruzione, al di là di essi: la Costruzione è per tener su, l’Architettura è per commuovere”.

Il nostro compito è tenere su e commuovere.

Il digitale quanto ha influito nel tuo lavoro?

La digitalizzazione dei processi ha di molto velocizzato la produzione rispetto a quando ho iniziato a lavorare con elementi e prodotti bidimensionali. Oggi ci si ritrova a prendere decisioni molto rapidamente, con un ritorno di informazioni tale da avere un maggior supporto nel coordinamento e nel controllo del progetto, portando le tolleranze di errore prossime allo zero.

Come vedi il futuro di Abitare In?

Lo vedo in continua crescita sempre pronto a soddisfare la domanda del mercato. Un modello che funziona e piace!

dsc_0056
Stefano ElliSenior Project Manager Area Tecnica

Hai una persona che per te è una fonte di ispirazione?

Mio padre è stato da sempre la mia fonte di ispirazione, trasmettendomi i valori della correttezza e della serietà. La parola data e la fiducia per me sono valori imprescindibili.

La tua frase preferita?

“Complicare è facile, semplificare è difficile: la difficoltà mi diverte”: bisogna riuscire a trovare l’equilibrio per poter realizzare le cose in un modo semplice e di immediata comprensione.

Condividi su facebook
Like
Condividi su linkedin
Share
Condividi su twitter
Tweet

post correlati