Data Pubblicazione: 7 Ottobre 2020

Un set botanico e i bimbi vedono le piante vivere

Il progetto si chiama Grow Up Together ed è promosso da Abitare In e SeMiniAmo. L’iniziativa coinvolge oltre mille giovani studenti di tre scuole primarie e secondarie di Milano, partendo dall’Istituto Narcisi. A loro è stato consegnato un set botanico con tutto il necessario per piantare semi di Dahlia e prendersi cura della piantina e in ciascuna scuola verrà messa a dimora un albero. Come ciascun Kit mette in gioco ogni bambino con la semina e la cura della propria piantina, allo stesso modo seMiniAmo si prenderà cura dell’albero. La crescita delle piante rappresenta un simbolo dell’impegno reciproco nel rispetto dell’ambiente.

“Da tempo – spiega Marco Grillo, ad di AbitareIn -collaboriamo con seMiniAmo per promuovere iniziative con un alto valore sociale e votate alla crescita sostenibile della nostra Città coniugando il sostegno del verde cittadino, l’attenzione alle persone e la cura dell’ambiente urbano. Si tratta di progetti che sposano in pieno la mission e il modus operandi di AbitareIn, in primis la sostenibilità: un valore per noi fondante che permette di creare un ambiente dove sia possibile vivere bene oggi e ancora meglio domani. Grow Up Together rappresenta tutto questo e ci è piaciuta molto l’idea di poter festeggiare con gli studenti il ritorno a scuola, soprattutto in questo complicato 2020, nel segno della rinascita e nella fiducia verso il futuro”.

AbitareIn realizza progetti eleganti e sostenibili, votati alla rigenerazione e trasformazione della città, che si integrano con l’ambiente urbano. La società, infatti, non consuma nuovo suolo, ma trasforma complessi industriali dismessi in nuovi edifici residenziali dall’architettura iconica. SeMiniAmo ha complessivamente riqualificato 6.500 mq di verde, posizionato oltre 80 alberi ad alto fusto, seminate 25.000 piantine, piantati oltre 1.000 arbusti e 1700 piante di 40 specie diverse; sul fronte sociale, seMiniAmo ha coinvolto oltre 25 persone nella cura e presidio delle aree verdi del progetto.E.F.

Scopri di più 

Autore: Wladimiro D'Auria

Fonte: