Data Pubblicazione: 3 Settembre 2019

Mutui da saldo grazie al Bund: il miglior tasso fisso sotto all’1%

Il mese di agosto passerà agli annali della finanza come uno dei più euforici sul fronte dei tassi. Tra i vari record che il mercato obbligazionario mondiale ha toccato si annovera il minimo di tutti i tempi per i rendimenti del Bund tedesco

Il mese di agosto passerà agli annali della finanza come uno dei più euforici sul fronte dei tassi. Tra i vari record che il mercato obbligazionario mondiale ha toccato si annovera il minimo di tutti i tempi per i rendimenti del Bund tedesco. Il titolo a dieci anni – che solo a maggio esprimeva rendimenti positivi – in settimana è sprofondato fino a -0,71%.

Questa notizia interessa da vicino anche la platea dei mutuatari, tanto quelli che si stanno domandando se stipulare in questa fase un prestito ipotecario, ma anche tutti coloro che ne stanno già rimborsando uno e fanno bene a chiedersi se è il caso di migliorarlo attraverso la porta della surroga.

Perché i tassi dei Bund – il titolo considerato più affidabile tra i bond dell’Eurozona – sono strettamente collegati anche agli indici Eurirs (degli swap con cui coprirsi dal rischio tassi per periodi che vanno da 1 a 50 anni) sulla base dei quali viene determinato il tasso di interesse dei mutui a tasso fisso (che si ottiene appunto aggiungendo all’Eurirs di periodo lo spread deciso autonomamente dalla banca in funzione della politica commerciale che intende adottare).

Il crollo del tasso dei Bund è rimbalzato direttamente sugli indici Eurirs che fino alle scadenze di 20 anni sono scivolati per la prima volta nella storia sottozero. (..)

>> Leggi di più

Please follow and like us:

Autore: Vito Lops

Fonte: Il Sole 24 Ore

Press correlate

Abitare In S.p.A. in [...]Abitare In S.p.A. in [...]MILANO [...]Sono decine tra [...]Dieci piani di altezza, [...]La foto di Papa Francesco [...]
Please follow and like us: