Data Pubblicazione: 20 Febbraio 2019

Assoimmobiliare: il mattone rende il 2,11%

Un indice per orientare le scelte di investimento e misurare le performance dei gestori con l’obiettivo di accrescere ulteriormente la trasparenza del settore immobiliare. È questa l’ultima sfida di Assoimmobiliare e Nomisma, che hanno lanciato il primo indicatore di performance del mercato immobiliare corporate italiano. Basato su dati relativi ad asset immobiliari con un valore di oltre 37 miliardi di euro detenuti da Sgr e Siiq italiane (che hanno finanziato il progetto), l’ indice è globale e core (comprende solo immobili non oggetto di sviluppo e trasformazione).

Gli immobili di riferimento dell’indice sono cespiti direzionali per il 27,6%, seguiti da una componente formata da asset commerciali (18,3%). Seguono gli immobili residenziali, con un valore di 3.577 milioni di euro (9,5% del totale) e industriali, il cui valore risulta pari a 2.571 milioni di euro (6,8% del totale). Un settore in prospettiva interessante come il ricettivo attualmente “pesa” per il 2,3%, con un asset under management di 848 milioni di euro.
Cosa rivela l’indice? «Considerando l’indice Global del mercato corporate italiano, la redditività del primo semestre del 2018 è stata del 2,11% (1,93% al netto di tasse e spese a carico della proprietà)» recita un comunicato. Va segnalato che è però in deciso rallentamento rispetto al 2017, quando su base annua ci si era attestati al 5,60% (5,19% al netto delle tasse). (…)

>> Leggi di più

Please follow and like us:
error

 

Autore: Paola Dezza

Fonte: Il sole 24Ore

Press correlate

Aumenta la concorrenza [...]La politica dei tassi [...]A Milano sono attivi [...]La speranza è che il [...]Milano fa storia a sé [...]Come misurare i vantaggi [...]
Please follow and like us:
error