Data Pubblicazione: 8 Luglio 2017

Abitare In: Un Business Model per l’abitare

Come si fa a  decidere nel 2012 di entrare nel mondo immobiliare per fare sviluppo residenziale?

Con tanto coraggio e tantissima incoscienza. In realtà Marco Grillo, AD di Abitare In, non è un imprenditore sprovveduto ma un attento osservatore del mercato. Ha capito, anzi, lo ha tradotto in un progetto, che il mercato immobiliare milanese aveva un buco: non c’era prodotto di qualità per la fascia di prezzo intorno ai 400 mila euro, vale a dire quello della classe media. Questa la prima intuizione a cui ne sono seguite altre, come leggerete nel nostro articolo di copertina de Il Settimanale. A noi piace raccontare questa storia perché dimostra come nulla, con una buona idea, possa essere precluso. Basta metterci della buona volontà e un po’ di intelligenza. Perché lo abbia fatto Grillo, neofita del settore, e non una delle innumerevoli società immobiliare, fa pensare che forse qualcosa si è spento nella comunità degli imprenditori del mattone. E attenzione, non è che Abitare In si sia infilata in un vicolo chiuso e bisogna attenderla alla prova dei fatti. La loro secondo iniziativa, Abitare in Maggiolina (dopo Abitare in Poste) sull’area dove sorgeva la redazione e la stampa de Il Giorno è alla fase di demolizione del vecchio insediamento e ha già venduto 100 appartamenti sui 120 che verranno edificati a partire dall’autunno 2017.

Non crediamo che Grillo e i suoi soci siano dei fenomeni. Forse è solo gente che sa guardare il mercato come una sfida.

Please follow and like us:
error

 

Autore: Guglielmo Pelliccioli

Fonte: il Quotidiano Immobiliare

Press correlate

“Siamo molto soddisfatti [...]Troppa concentrazione di [...]Momento d’oro per [...]Scenari Immobiliari [...]Secondo l’indagine [...]Secondo Tecnocasa nel [...]
Please follow and like us:
error