Data Pubblicazione: 28 Gennaio 2016

Abitare In, M.Grillo: Sbarco su AIM per crescita e visibilità

MILANO (MF-DJ) — Abitare In si prepara a debuttare su Aim, il segmento di Borsa Italiana dedicato alle Pmi, per la fine di febbraio e la quotazione servira’ a finanziare i progetti di crescita del gruppo e ad aumentarne la visibilita’ sul mercato. E’ quanto spiegato a Mf-Dowjones da Macro Grillo, fondatore dell’azienda insieme a Luigi Gozzini. Abitare In e’ un azienda industriale, estremamente innovativa per il mercato italiano, che realizza e vende case a Milano. La societa’, in particolare, e’ focalizzata sul mercato della prima casa nel segmento cosiddetto “affordable”. Il collocamento di Abitare In e’ iniziato lo scorso 25 gennaio e si chiudera’ indicativamente il prossimo 22 febbraio. L’operazione consiste in un aumento di capitale fino a 8 mln a cui dovrebbe seguire l’emissione di un bond per altrettanti 8 mln. D: In che modo operate sul mercato immobiliare? R: Noi realizziamo case a Milano per le famiglia nel cosiddetto segmento ‘affordable’, ossia dai 3-5 mila al metro quadro per le attuali condizioni di mercato, valore che potrebbe salire 6 mila euro al mq nell’ipotesi che in futuro prosegua la crescita in corso e si replichino anche in Italia le dinamiche legate al basso costo del denaro, gia’ viste nel Nord Europa. Siamo di fatto l’unica realta’ nel panorama nazionale che ha un modello industriale di sviluppo immobiliare residenziale focalizzato sull’acquisto della prima casa. D: Che cosa vi differenzia dal resto degli altri operatori real-estate? R: Facciamo progetti di riedificazione urbana, realizzando esclusivamente interventi che prevedono la demolizione di immobili esistenti, tipicamente di natura industriale, la conversione e la riedificazione di nuovi edifici. Non costruiamo direttamente, ma diamo la realizzazione in appalto ad imprese specializzate. Il nostro modo di intendere i progetti di riedificazione ci porta a non creare dei nuovi insediamenti per realizzare nuovi contesti urbani ma miglioriamo il tessuto abitativo locale, ottenendo alto consenso sociale, basso impatto ambientale e riducendo fortemente i rischi. Inoltre, i nostri progetti durano al massimo due anni. Il nostro punto di forza e’ mettere il cliente al centro e garantire ai clienti customer experience di eccellenza. Operiamo esclusivamente su Milano e in zone semicentrali. D: Quali sono i vostri progetti? R: Abbiamo realizzato Abitare In Poste, in zona Citta’ Studi (81 appartamenti e circa 20 mln di ricavi), un caso di successo che ha destato molto interesse nel mercato milanese. Adesso abbiamo due progetti nuovi progetti in corso per complessivi 70 mln euro circa di ricavi da qui al 2018/2019. D: Come valutate l’attuale fase del mercato? R: Vogliamo diventare il player di riferimento del mercato residenziale a Milano. Questo e’ un segmento di mercato ripartito con una rapidita’ che non si era mai vista prima. Secondo l’Osservatorio Immobiliare dell’Agenzia delle Entrate, il numero di vendite nella nostra citta’ nel terzo trimestre 2015 e’ cresciuto del +18,2%, +29,2% da inizio anno. La crisi a Milano, ancorche’ sia stata meno violenta che nel resto del Paese, e’ decisamente alle spalle. La ripresa e’ stata trainata dagli acquisti delle famiglie e dalla forte inversione di tendenza dei mutui (+84,7% nel terzo trimestre 2015 secondo Banca d’Italia). Mutui in crescita, tassi bassi e in ulteriore discesa e condizioni fiscali favorevoli ci portano a credere, quindi, che stiamo velocemente andando incontro ad un nuovo ciclo di crescita del mattone. D: Per quali ragioni vi quotate? R: I motivi sono sostanzialmente due. Il primo e’ di visibilita’ e di trasparenza verso il mercato e – il nostro obiettivo dichiarato e’ diventare il leader cittadino e creando un brand riconosciuto; il secondo e’ legato al fatto che grazie anche ad una maggiore patrimonializzazione possiamo accelerare il processo di crescita, avendo come upside quello di sfruttare il momento di mercato favorevole. D: In futuro pensate anche al passaggio su Mta? R: Oggi puntiamo sull’Aim con l’obiettivo di andare sull’Mta sfruttando il percorso fast track. D: Quando e’ previsto il debutto? R: Lo sbarco su Aim dovrebbe arrivare per fine febbraio/inizio marzo.

>> Leggi di più

Please follow and like us:
error

 

Autore: Marco Fusi

Fonte: Milano Finanza

Press correlate

Prestiti mai così [...]La Milano immobiliare dei [...]Calcoli matematici e [...]L’ad Marco Grillo [...]“Siamo molto soddisfatti [...]Troppa concentrazione di [...]
Please follow and like us:
error