Data Pubblicazione: 6 Gennaio 2016

ABITARE IN alla prova della Borsa

DEBUTTO. La SPA milanese si quota sul mercato AIM di Piazza Affari

Milano.

VIA LIBERA dall’assemblea di Abitare In SpA all’ammisione al mercato AIM di Borsa Italiana attraverso due aumenti di capitale. Il primo sarà rivolto agli investitori qualificati, per un massimo di 7,5 milioni di euro, mentre una seconda tranche  di 500mila euro sarà proposta al mercato retail. Stando alla tabella di marcia del gruppo immobiliare, la quotazione è attesa entro il primo trimestre 2016 con un flottante fino al 40%. Il progetto di crescita di Abitare In prevede inoltre l’emissione, successivamente alla quotazione, di un mini bond sul mercato ExtraMot Pro fino a 8 milioni di euro. Dopo l’operazione «Abitare in Poste», l’iniziativa immobiliare che nel 2016 dovrebbe generare ricavi per 20 milioni di euro, la società ha in corso due nuovi piani dai quali i vertici della società si aspettano di ricavare un fatturato complessivo superiore ai 70 milioni di euro. Abitare In si presenta sul mercato come un innovativo attore del mercato immobiliare, che sviluppa abitazioni a Milano. Si rivolge principalmente al mercato della prima casa e realizza esclusivamente interventi che prevedono la demolizione di immobili esistenti, generalmente di tipo produttivo o industriale, e la riedificazione di nuovi edifici residenziali di qualità. «Basso rischio, trasparenza, tempistiche certe, ridotto impatto ambientale e massima attenzione al cliente, sono gli elementi distintivi che la società vanta», come comunica in una nota.

IL MERCATO DI RIFERIMENTO di Abitare In è perciò quello milanese, che secondo la società si presenta come stabile e strutturalmente meno sensibile ai cicli immobiliari. La domanda di nuove costruzioni è inoltre al momento molto consistente, con un valore di circa 5 miliardi  di euro (dati 2014) e un prezzo medio al metro quadro più alto rispetto alle altre province italiane. Nel complesso gli italiani stann tornando ad avere fiducia nel mattone. Secondo l’osservatorio dell’Agenzia delle Entrate, nel secondo trimestre 2015 l’aumento delle compravendite di case a livello nazionale si è attestata a quota +8,2%. Da luglio a settembre dello scarso anno le trasnazioni sono aumentate del 10,8%. Nel terzo trimestre 2015 a Milano si sono vendute il 18,2% di case in più rispetto ad un anno fa, mentre segna un +9,2% l’aumento nel secondo trimestre rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Please follow and like us:
error

 

Autore: Il Giorno (p.27)

Fonte: Il Giorno

Press correlate

Prestiti mai così [...]La Milano immobiliare dei [...]Calcoli matematici e [...]L’ad Marco Grillo [...]“Siamo molto soddisfatti [...]Troppa concentrazione di [...]
Please follow and like us:
error