Skip to content

Ogni progetto che incontro è il migliore che abbia mai fatto

AUTORE: Wladimiro D'Auria

Fabiola Peverelli, Coordinatrice Specialisti Interni di Abitare In

Come ti chiami e di cosa ti occupi?

Mi chiamo Fabiola Peverelli e mi occupo di Interior Design. Etimologicamente disegno interni, ma principalmente ascolto e cerco di esaudire i desideri dei clienti. Sono più di trent’anni che svolgo questo lavoro e ogni giorno mi sento veramente grata. I clienti mi affidano la progettazione della loro abitazione e per me è veramente una dimostrazione di fiducia: non ho in gestione solo la loro casa, ma anche il loro spazio. È un luogo molto intimo dove vivere, rilassarsi e vedere crescere la propria famiglia.

Perché hai scelto Abitare In?

Ho avuto il piacere di conoscere Luigi e Marco grazie al progetto di Abitare in Poste. In quel periodo lavoravo presso un partner di progetto e ciò mi permise di conoscere meglio quale fosse la loro realtà, vedendo un’estrema organizzazione. Sono rimasta affascinata dalla loro genialità e da quell’essere sempre avant-garde. In occasione di un evento promozionale mi sono avvicinata a Marco Grillo e gli ho espressamente detto “mi piacerebbe lavorare con voi!”.  Dopo un paio di anni dal nostro incontro sono stata contattata per fare un colloquio con Deborah Levi e Jessica Coen. La realtà di AbitareIn mi piaceva già molto, ma durante il colloquio sono rimasta travolta dall’empatia che sono riuscite a fare trasparire. Eccomi qua a fare il lavoro che ho sempre sognato in un luogo che ho sempre ambito. Ad Abitare In, mi sento una persona, non un numero. Quello di AbitareIn è un mondo fantastico dove tutti i settori sono coinvolti.

Cosa significa essere una Coordinatrice Specialisti Interni?

Significa occuparsi di arredamento a 360° oltre che Coordinare e formare un team di interior specialist, che in sinergia possa guidare e consigliare i clienti nel loro percorso di scelta. Vuol dire studiare per essere sempre aggiornati sulle mode e sui materiali che fanno innovazione nel mondo dell’arredo e curare ogni singolo aspetto di decorazione cercando di dare forma ai sogni dei clienti. “Realizzo il sogno”: non impongo mai i miei gusti, ma offro molti spunti di riflessione per tirare fuori tantissimo potenziale dallo spazio. Seguo il cliente in ogni sua fase, vado in cantiere per monitorare lo stato di avanzamento lavori, verificare le misurazioni e ciascuna fase di sviluppo. Vedere realizzato tutto ciò che prima era solo sulla carta dà una soddisfazione immensa.

foto-3
Fabiola PeverelliCoordinatrice Specialisti Interni

Arredare o Personalizzare?

Sono due mondi completamente diversi. Arredare può essere fatto anche in maniera asettica. Ho uno spazio di 3 metri, scelgo un elemento che possa starci e lo inserisco. La personalizzazione è diversa, perché riflette il tuo modo di essere, il tuo mondo e il tuo lifestyle. I metri-quadri non esistono: una casa personalizzata bene può diventare un castello. Quando personalizzi stai costruendo un mondo, il tuo!

Bello o funzionale?

Bello e funzionale è soggettivo e dettato da canoni ergonomici. Ogni progetto che incontro è il migliore che io abbia mai fatto. Vorresti avere una casa fuxia? Sarà la casa fuxia più bella del mondo!

Quindi, personalizzare è come dare una forma concreta ad un desiderio?

Sì, significa coniugare desideri e bisogni. Cerco di capire le esigenze per arrivare insieme ad una giusta soluzione. Accompagno e guido la fase di personalizzazione durante un incontro che di solito dura un’ora. Sul tavolo metto tutto quello che la mia esperienza può offrire. Guardiamo il layout per conoscere gli spazi.  Riflettiamo. Entriamo insieme in questo mondo onirico per capire i punti di forza e di criticità. Ascolto e disegno per tradurre le idee in immagini.

Fermiamo gli spazi, immaginiamo. Ottimizziamo i tempi. Cerchiamo insieme di trovare quello che fa stare bene e solo quello che rende felice.

È cambiato il tuo lavoro con il digitale?

Ho visto un forte cambiamento grazie al mondo digitale. Avere dei programmi che possano far vivere in maniera più attiva lo spazio al cliente aiuta moltissimo.

Render, virtual, digitalizzazione, domotica. Il futuro è digitale, ma fatto di persone. La digitalizzazione risolve il problema del tempo e ti guida. La soddisfazione del cliente, però, avviene prima di tutto. Se la digitalizzazione soddisfa il cliente, l’obiettivo è raggiunto!

foto-2
Fabiola PeverelliCoordinatrice Specialisti Interni

Hai una persona che per te è una fonte di ispirazione?

Non una, ma due. Gae Aulenti e Cini Boeri, due donne che negli anni 60 hanno intrapreso una carriera solo maschile. Le giudicavano, le davano delle pazze, ma loro erano visionarie: libere nel pensiero e nel movimento, hanno portato il femminile nel razionale.

La tua frase preferita?

“Essere grata al nuovo e a tutto quello che può arrivare”

Condividi su facebook
Like
Condividi su linkedin
Share
Condividi su twitter
Tweet

post correlati